L’esperto di contenuti è una figura molto importante per il tuo corso elearning. Oggi abbiamo preso spunto da questo articolo per capire quale sia il raggio d’azione dell’esperto di contenuti in modo da utilizzare la sua professionalità per creare corsi eccellenti.

Il ruolo dell’esperto di contenuti nell’elearning

L’esperto di contenuti (in inglese subject matter expert) ha la responsabilità di fornire i contenuti relativi a corsi di formazione specifici di qualunque settore. Il suo ruolo è quello di assicurarsi dell’alta la qualità di un corso e di accertarsi che il materiale appropriato sia inserito nei moduli giusti. Qualsiasi organizzazione che intenda formare efficacemente i propri dipendenti avrà bisogno di tali esperti per creare corsi di formazione di successo. Si può dunque facilmente comprendere quanto sia importante il suo ruolo nel mondo dell’elearning.

Vediamo, dunque, insieme, gli aspetti di cui si occupa principalmente un esperto di contenuti. Nella creazione di un corso elearning, conoscere il raggio d’azione e gli ambiti specifici di cui si occupa ciascuna figura coinvolta è fondamentale; non avere idee chiare su “chi fa cosa”, infatti, può creare incomprensioni e ritardi che influiscono negativamente sul prodotto finale. L’esperto di contenuti si occupa di:

Sviluppare il materiale del corso

Nella maggior parte dei casi, l’esperto di contenuti può trovarsi davanti a due situazioni:

  • Deve creare i contenuti da (pressoché) zero. Spesso, l’azienda o l’ente che richiede il corso, fornisce all’esperto solo l’argomento generale su cui si incentrerà la formazione. In questa situazione, sarà l’esperto a svolgere le ricerche necessarie e a produrre la maggior parte del materiale da utilizzare nel programma .
  • Deve rivedere i materiali forniti dall’azienda o dall’ente, come accade spesso, ad esempio, nei corsi di compliance normativa.

In ogni caso, l’esperto deve assicurarsi che venga utilizzato il materiale corretto per lo specifico corso. Dopo aver creato il materiale o dopo averlo esaminato e rivisto, l’esperto si confronterà con il progettista didattico per l’eventuale aggiunta o esclusione di informazioni.

Insieme esamineranno anche i requisiti per il corso e si porranno le seguenti domande:

  • Quali risultati dovrebbe produrre il corso?
  • Ogni modulo è in sé finito o si somma ad altri moduli per creare una lezione più ampia?
  • Come verrà fruito il corso?

È fondamentale che l’esperto di contenuti abbia accesso a tutte le informazioni relative agli obiettivi di apprendimento e ai risultati desiderati, anche in relazione agli obiettivi aziendali.

Rinnovare e aggiornare i contenuti

In alcuni casi, le aziende vogliono utilizzare il materiale utilizzato nella formazione tradizionale per i loro corsi elearning, ignorando spesso che ciò che si adatta a una lezione frontale in aula non è appropriato alla formazione online. Ciò che ha funzionato bene in un corso dal vivo in aula potrebbe non essere efficace in un corso elearning. L’esperto di contenuti che lavora nel campo dell’elearning sa già, in linea di massima, come rinnovare vecchi contenuti in modo che l’istructional designer possa trasformarli in corsi accattivanti ed efficaci dal punto di vista didattico. Ciò significa spesso ridisegnare l’intero corso.

Progettare il corso

Questa è la fase in cui tutte le figure coinvolte devono lavorare a stretto contatto. Molto probabilmente, l’instructional designer avrà bisogno di chiarimenti da parte dell’esperto di contenuti per svolgere bene il proprio lavoro. Ecco alcune domande che potrebbe porre:

  • Hai esempi reali dell’azienda che possiamo includere nel corso?
  • Che tipo di navigazione vogliamo?
  • Cosa accade se il partecipante dà 3 risposte sbagliate di seguito?

È importantissimo che l’esperto di contenuto fornisca riposte precise e chiare.

Inserire elementi di valutazione

La maggior parte dei corsi online prevede l’integrazione di un sistema di valutazione. Posizionare quiz e test nel modo giusto è molto importante per evidenziare le informazioni più rilevanti e per aiutare il discente a ritenere quanto appreso. Quando posizionato strategicamente, l’elemento valutativo è di fondamentale importanza per il successo del corso. L’esperto di contenuti lavora dunque a stretto contatto con il progettista didattico per decidere dove posizionare tali elementi.

Precisione e chiarezza, le chiavi di volta di una collaborazione efficace

Ci sono esperti di contenuti che non conoscono bene o non comprendono a fondo il lavoro svolto dall’instructional designer, il cui compito è principalmente quello di creare per gli utenti un’esperienza di apprendimento efficace e memorabile attraverso l’utilizzo degli strumenti a sua disposizione. Non è, invece, compito del designer quello di rielaborare, cambiare o aggiustare i contenuti, anche perché, prima di passare nelle sue mani, questi dovrebbero essere stati approvati dall’azienda o dall’ente che ha commissionato il corso. I contenuti, dunque, dovrebbero arrivare nelle mani del designer nella loro forma definitiva e quanto più perfetta. In un corso che prevede il voice over, ad esempio, ciò comporta fornire un insieme di “note” già pronte per essere lette dallo speaker e inserite come audio (e testo secondario) nel corso.

La comunicazione chiara e tempestiva tra esperto di contenuti e instructional designer è fondamentale durante tutto il processo di creazione di un corso. Il designer deve essere informato tempestivamente su eventuali cambiamenti o aggiunte decisi dall’azienda, perché anche la modifica di un piccolo dettaglio può comportare ore di lavoro in più e costi più alti.

Se ti interessa approfondire l’argomento, abbiamo già parlato della relazione tra le varie figure professionali che ruotano intorno ad un corso elearning in questo articolo.